Gattafin levantesi

Ingredienti per 6 persone

 

PER LA PASTA

500 g di farina

2 uova

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

 

PER IL RIPIENO

2 kg di bietole da taglio

4 cucchiai di olio extravergine di oliva

½ cipolla bianca tritata

120 g di Parmigiano reggiano grattugiato

5 uova

1 ciuffetto di maggiorana tritato

qb di sale e pepe

olio di semi di arachidi per friggere

 

Preparazione

  • Sulla spianatoia versate la farina a cratere, al centro ponete le uova sgusciate e l’olio; poi impastate con cura fino ad ottenere un amalgama liscio e sodo, da lasciar riposare avvolto da pellicola alimentare.
  • Pulite le bietole, lavatele e lessatele in abbondante acqua salata, quindi sgocciolatele, strizzatele e tritatele grossolanamente. In una padella scaldate l’olio, poi rosolatevi il trito di cipolla. Appena dorato, unitevi le bietole, insaporitele mescolando più volte, quindi sgocciolatele dall’olio e ponetele in una ciotola ampia, per impastarle con le uova, il parmigiano, la maggiorana; per finire, regolate di sale e pepe
  • Spianate la pasta con il mattarello e stendetela in una sfoglia sottile; ponete tanti mucchietti di ripieno su metà sfoglia, ricopriteli con l’altra metà e con la rotella dentata tagliate dei ravioli quadrati, avendo cura di saldare bene la pasta.

Finitura

Friggete queste sfogliatine in abbondante olio di semi di arachidi e servitele calde in un piatto da portata, appena sgocciolate e asciugate.

 

0

Losanghe di paniccia di ceci

Ingredienti per 6 persone

 450 g di farina di ceci

1,5 l di acqua

3 cucchiai  di olio extravergine di oliva

qb di sale

olio di semi di arachidi per friggere

 

Preparazione

In una casseruola riscaldate l’acqua con l’olio e il sale, poi, poca per volta, versatevi a pioggia la farina di ceci, mescolando continuamente  con una frusta. Rimettete la pentola sul fuoco e lasciate cuocere, continuando a mescolare con un cucchiaio di legno come per una polenta. Il composto sarà cotto quando si sarà rassodato abbastanza da staccarsi dalle pareti della casseruola. Versate allora la paniccia su una superficie leggermente oliata (una teglia dai bordo bassi o una piastra) tenendo uno spessore di circa 2 cm e lasciate raffreddare.

Finitura

Tagliate la paniccia a losanghe e friggetela in olio abbondante. Servite gli stuzzichini caldi, disponendoli in una coppa di vetro fra rametti di salvia e rosmarino.

0

Menu di aprile

 

Io già sento primavera

che s’avvicina coi suoi fiori

versatemi presto una tazza di vino dolcissimo

(Alceo, trad. S. Quasimodo)

 

La primavera, che con aprile si manifesta pienamente, diffonde nell’aria nuovi profumi e risveglia il desiderio di cibi freschi e colorati. Ecco dunque un menu che esaudisce questa propensione:

Tortino di stoccafisso in fiore di zucchina con purea di piselli ed insalata di pomodori e pisellini freschi

Cappelletti di Pecorino romano con crema di fave e briciole di salame

Triglie farcite di funghi e pinoli con salsa profumata di pomodoro

Cassatina con crema inglese ai pistacchi

 

0

Il tè del pomeriggio

 

Se per gli Inglesi l’afternoon tea è un rito quotidiano irrinunciabile, per noi  il tè delle cinque, se non è una occasione di incontro formale, costituisce una parentesi della giornata di tanto in tanto organizzata appositamente per dar voce ad una rilassante chiacchierata fra amiche. Occasione ideale per questo incontro l’imminente Festa della donna.

Ad accompagnare la bevanda calda ed aromatica, una composizione armonica di preparazioni salate e dolci che possono esprimere i nostri gusti e la creatività tutta italiana in tema di pasticceria. Ecco qualche proposta:CONTINUA A LEGGERE

0