Cremoso alla torta di riso

Cremoso alla torta di riso, fragole marinate al vermouth bianco, chips e coulis dello stesso frutto

Ispiratomi dalla ricerca di Valentino Cassanelli, questo dessert propone in versione gourmet la torta di riso della tradizione dolciaria versiliese, irresistibilmente golosa con la sua ricca crema al sapore di caramello. La monoporzione, pur alleggerita nella composizione e nell’utilizzo degli ingredienti, conserva intatta la memoria gustativa delle origini e acquista una piacevolissima freschezza nell’incontro con le fragole, declinate in tre diverse consistenze.CONTINUA A LEGGERE

0
spungata

La mia Spungata monoporzione

Sono sempre intellettualmente attratta dalla valenza culturale di un dolce, che si esprime nel suo nome, nella sua forma o nel suo aspetto, nel significato simbolico dei suoi ingredienti, nei richiami etnici che si incontrano talvolta con risultati di grande fascino.  Come non essere dunque sensibile al richiamo della ligure Spungata, disco spugnoso (lat. spongia= spugna), bucherellato e croccante, che, ripieno di marmellata e frutta secca, allude ad antichi riti di protezione della vita, dell’amore, della salute, della prosperità e racconta di conquiste romane, influenze ebraiche e mediorientali? Nella varietà di versioni che la rappresentano, come di consueto ho elaborato una ricetta che espliciti la sua identità, alleggerendo nel contempo il risultato finale. Sulla superficie delle mie piccole spungate si affaccia un tenue richiamo decorativo agli stampi in legno un tempo usati dai pasticceri per il confezionamento delle torte.CONTINUA A LEGGERE

2

Frittelle di Carnevale

Carnevale non è ancora cominciato, ma passeggiando per la città nei pressi di forni e pasticcerie ho già sentito aleggiare gli effluvi irresistibili dei dolci fritti che annunciano questo festoso periodo dell’anno. Non ho saputo oppormi al desiderio di realizzarne in anticipo qualche tipo e con impazienza ho preparato per prime queste frittelle, voluttuosi bignè che l’ideatore Luigi Biasetto ha arricchito con l’aroma dell’arancia, uvetta e pinoli.CONTINUA A LEGGERE

0

Menu di Natale 2022

Mai come per il pranzo di Natale si sente il piacere di allestire una speciale varietà di preparazioni. Non è esibizione di un’abbondanza del tutto inopportuna in tempi difficili come quelli attuali, ma un messaggio di amore per le persone che si ha la fortuna di veder riunite in serenità e salute. Ecco allora la ricerca di qualche prelibatezza che faccia sentire importanti i convitati, il recupero di piatti della tradizione che abbiano il potere di suscitare cari ricordi del passato e dispongano nel contempo al pensiero fiducioso nel futuro con qualche guizzo di creativa novità: a volte basta un profumo o un sapore inaspettato per condurre la memoria, pur tanto importante, sulla via dello stupore e della speranza.  Questi sono i pensieri e le intenzioni sottesi a queste proposte:CONTINUA A LEGGERE

0

Terrina di fegatini di pollo con kumquat sciroppati, petali di cipolla e fettine di pane tostato

I crostini neri, ben note presenze nei menu toscani, si rinnovano nella forma e nella gentilezza gustativa di   terrine monoporzione; la morbida mousse di fegatini di pollo, che conosce un breve passaggio in forno, trova un piacevole contrasto nella succosa acidità dei kumquat sciroppati e si lascia gustare insieme a sottilissime fettine di pane tostatoCONTINUA A LEGGERE

0

Raviolini di mascarpone e prescinsêua al profumo di castagne con ragù d’anatra e riduzione di vino rosso

Sintesi di prodotti e preparazioni che appartengono a diverse tradizioni regionali, questo primo piatto accosta amabilmente la scontrosa acidità della cagliata ligure alla dolce avvolgenza del mascarpone. Il profumo della farina di castagne aggiunge interessanti sfumature alla pasta che avvolge il ripieno; la ricca dolcezza del ragù bianco d’anatra si confronta con la sciropposa aromaticità della riduzione di vino rosso.CONTINUA A LEGGERE

2
tarte Tatin

Per l’ora del tè una piccola tarte Tatin

La notissima torta francese assume le dimensioni di una monoporzione e si rinnova nelle consistenze e nella forma: su una base di friabile sablée breton al profumo di timo si adagia un piccolo e lucente anello di mele caramellate; una semisfera di namelaka alla vaniglia arricchisce le sensazioni gustative con la sua vellutata texture.CONTINUA A LEGGERE

0