Crema liquida di lattuga, cagliata, pane di castagne e acciughe

Ingredienti tipici della tradizione gastronomica ligure si incontrano con un guizzo di fantasia in questo antipasto, che preserva e mette in risalto le peculiarità gustative dei singoli elementi. L’amabile sapore della lattuga trova un piacevole contrappunto nella cagliata lievemente acidula della Val d’Aveto; la dolcezza della Marocca di castagne esalta la sapidità delle acciughe di Monterosso. Minute foglioline di erbe aromatiche regalano delicati profumi.CONTINUA A LEGGERE

0

Tortellini di pappa al pomodoro, gamberi rossi di Sanremo e salsa al basilico

La tradizione è assorbita e reinventata in accostamenti creativi, che esaltano, rispettandoli, i sapori di prodotti di eccellenza. La toscana pappa al pomodoro riceve raffinate sfumature dai datterini confit e diventa il ripieno di insoliti tortellini. Su di essi si appoggiano pregiatissimi gamberi, che regalano al piatto inconfondibili note marine.CONTINUA A LEGGERE

0

Menu ad alta quota

Lo Sciliar di Siusi è la montagna che più sa parlare al mio spirito: le guglie, che nude e nitide aspirano al cielo, guidano quietamente la mia immaginazione nei sovrumani silenzi del tempo, grembo impassibile degli inutili affanni umani. In questa dimensione del pensiero il tema di una cena ad alta quota mi suggerisce per contrasto gli echi rassicuranti della tradizione, i sapienti sapori che parlano dei luoghi, i ritmi lenti di chi sa sottrarsi al logorio della dimensione quotidiana con un lieve sorriso. Così compongo il mio menu, quando d’estate posso raggiungere la mia montagna e godere della compagnia dei miei familiari:

 Crostini caldi alle cipolle e formaggio di malga

Mezzelune tirolesi di ricotta, spinaci ed erba cipollina (Schultzkrapfen)

Filetti di sogliola all’Andreas Hellrigl

Torta di farina di grano saraceno e confettura di mirtilli rossi di montagna CONTINUA A LEGGERE

0

L’ora dell’aperitivo

Nelle sere d’estate mi piace affidare il preludio di una cena con gli amici a un aperitivo in giardino. Mentre i fiori intorno profumano l’aria, s’intrecciano gioiosamente gli scambi di saluti e ci si appresta a godere di una piacevole serata iniziando con piccoli assaggi. Studiati per lusingare il palato, essi offrono sapori, consistenze e temperature diversi:CONTINUA A LEGGERE

0