Biscuit coulant au chocolat

Non sono mai stata particolarmente attratta dai vari tortini fondenti al cioccolato che da anni sono proposti come il trionfo della golosità; la sola differenza di consistenze non basta, a mio avviso, a superare la monotonia di un unico impasto che, croccante esternamente, rimane cremoso all’interno per la brevità della cottura. Altra cosa il biscuit coulant au chocolat che lo chef francese Michel Bras ideò agli inizi degli anni ’80: un biscotto di cioccolato e mandorle e una ganache al fondente congelata, inserita al suo interno. Come illustrò l’inventore, in forno il primo si solidifica, mentre la seconda si scioglie e al primo colpo di cucchiaino prorompe voluttuosa simile a un rivolo di lava. A questo vero peccato di gola si ispira il mio dessert.CONTINUA A LEGGERE

0

Pensieri di maggio

L’alba si è fatta
profumo di rose.
Rosa di maggio,
abbarbicata sul muro vetusto;
affresco di vita
corroso dagli scherni del tempo.
Tappeto di petali bianchi
sul selciato di dolci primavere.
Fra gli agrumi imbiancati dai fiori,
mano nella mano di mio padre,
stretta, stretta,
al richiamo del cuore di mamma,
ansioso, protettivo.
Diventeranno frutti copiosi,
allieteranno tavole imbandite
tra gli amici dell’allegria,
svaniti nei rivoli
del più salubre inganno.
In fondo, oltre la siepe,
scorgere i ceppi temprati dagli anni;
offrono ancora nuova vegetazione,
nuove foglie, tenere e indifese,
al soffio di vento.

 (Alda Merini, Rosa di maggio)CONTINUA A LEGGERE

0

Budino di limoni e mandorle con salsa di fragole

Il dessert, ispirato ad una ricetta di Pellegrino Artusi, rivela un sorprendente e voluttuoso contrasto di consistenze: alla degustazione un involucro friabile appena accennato cede subito alle lusinghe di una crema di limoni di insolita intensità. La salsa di fragole amplifica la freschezza del budino con più dolci sfumature.CONTINUA A LEGGERE

0

Primavera: un dessert al piatto per la festa della mamma

Per festeggiare la mamma con un dolce a lei dedicato, viene naturale pensare alla forma che più rappresenta il suo amore, il cuore. Io credo, però, che anche i colori tenui della primavera, le forme e i sapori delicati dei suoi frutti e dei suoi fiori esprimano con emozionante verità l’azione vivificante dell’amore materno. Da tali pensieri nasce questo dessert al piatto, che concilia la morbidezza di creme diverse con la croccantezza di un biscotto al tè verde Matcha e accoglie la profumata freschezza di piccoli fiori ed erbe.CONTINUA A LEGGERE

0