Per il brunch di primavera: Paris-Brest salato con pesto di fave e salame

In un brunch primaverile si può rinnovare il collaudato accostamento di fave fresche, salame e pecorino con un elegante Paris-Brest salato: il sapore neutro della pasta choux è piacevolmente ravvivato da un pesto di fave, che riunisce il sé le note lievemente amare dei legumi, la sapidità del pecorino e la freschezza della menta. Il salame arricchisce la farcia con la delicatezza della sua carne speziata e il suo persistente profumo.CONTINUA A LEGGERE

0

Bignè craquelin con crema pasticcera al pralinato di mandorle e amarene sciroppate

Nella discreta dimensione di una monoporzione il bignè assume un aspetto elegante e raffinato con la veste ricamata della pâte à craquelin. Sul piano gustativo la croccantezza del rivestimento incontra felicemente la consistenza soffice e setosa della crema pralinata dalle intriganti note di frutta secca caramellata. Le amarene sciroppate arricchiscono ulteriormente la gamma dei sapori con piacevoli sfumature acidule.CONTINUA A LEGGERE

0

A tutte le donne: cremoso al mango e frutto della passione, mousse leggera di cioccolato bianco e agrumi, onde di fondente e profumo di fiori

A tutte le donne

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso

sei un granello di colpa

anche agli occhi di Dio

malgrado le tue sante guerre

per l’emancipazione.

Spaccarono la tua bellezza

e rimane uno scheletro d’amore

che però grida ancora vendetta

e soltanto tu riesci

ancora a piangere,

poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,

poi ti volti e non sai ancora dire

e taci meravigliata

e allora diventi grande come la terra

e innalzi il tuo canto d’amore.

 

Alda Merini

 

Un incontro di linee, sensazioni gustative e profumi sfiora il multiforme universo femminile.CONTINUA A LEGGERE

0

Armonie di febbraio

In particolari occasioni mi capita di elaborare un menu seguendo le insistenti suggestioni di alcuni prodotti; intorno ad essi parte allora una fase di studio e di ricerca che amo condurre con lo stesso piacere con cui in seguito cucino; seguendo il filo rosso dell’armonico accostamento di ingredienti e piatti, partendo dalla tradizione per rinnovarla senza personalismi, arrivo talvolta a una composizione per me soddisfacente come questa, ispirata dal fascino di raffinati crostacei e molluschi e dal goloso richiamo del cioccolato:CONTINUA A LEGGERE

0

Ostriche in tempura, insalatina di sedano, maionese di latte di mandorle e lime

Inaspettata presenza nella tradizione gastronomica di alcune regioni italiane, le ostriche con la loro polpa voluttuosa impreziosiscono in diverse versioni aperitivi e antipasti. Qui i molluschi scendono nell’olio di frittura avvolte in una fluida pastella che, trasformatasi in velo dorato, conferisce note croccanti alla morbida polpa delle ostriche. La delicatissima maionese al lime aggiunge alla loro iodata dolcezza aromatiche sfumature di acidità, l’insalatina di sedano completa l’antipasto con una discreta freschezza.CONTINUA A LEGGERE

0

Menu d’inverno 2021

Da tempo mi propongo di imprimere una mia cifra ai menu che elaboro e realizzo.  Nell’ottica irrinunciabile di una tavola equilibrata ed armonica, mi oriento con sempre più grande convinzione verso una ricettazione contemporanea di ingredienti tradizionali, alleggeriti ed impiegati in abbinamenti insoliti che li esaltino e ne rinnovino la presenza.  Nascono così questi miei piatti, che risvegliano la memoria rassicurante di profumi e sapori noti ma conducono a risultati gustativi inattesi:CONTINUA A LEGGERE

0