Crostata ananas e lamponi con ganache montata di cioccolato Amber

In passato ho sempre pensato alla crostata come al dolce della merenda, tutt’al più adatto a concludere nella sua rassicurante semplicità un pasto informale. Oggi, invece, la tecnica multiforme e la giocosa inventiva di molti maestri pasticceri hanno dischiuso a questa tipologia di dolce la possibilità di affascinare la vista con raffinate architetture e di sedurre il palato con intriganti combinazioni di colori, gusti e consistenze. È appunto ispirata a una creazione del pasticcere Gianluca Fusto la mia crostata ananas e lamponi con ganache montata al cioccolato Amber. Qui la croccantezza di una frolla alle mandorle contrasta piacevolmente con un’avvolgente ganache di cioccolato bianco con note di caramello salato; la fresca acidità dei lamponi e la pulita dolcezza dell’ananas completano il bouquet di sapori.CONTINUA A LEGGERE

0

Tre proposte per il brunch di primavera

Mi sembra che quest’anno la primavera si sottragga ai miei sensi, che i suoi profumi e i suoi colori non riescano ad avvolgermi con la loro intensa promessa di vita. Non mi piace la sensazione di ripiegamento che vorrebbe accompagnare le mie giornate, ad essa mi oppongo ascoltando il richiamo delle mie amate occupazioni, decisa a non sciupare il ritorno della bella stagione ignorando i frutti che ci offre, generosa come sempre. Da questi pensieri nascono le mie proposte per arricchire il rito del brunch, mai come ora adatto ai ritmi lenti che da qualche tempo abbiamo adottato nella vita quotidiana:

 

Tris di panini gourmet

Quiche di primavera

Moretti

0

Tartellette caramello, limone e mandorle

Non so quando potremo assaporare di nuovo il piacere di ritrovarci tra amiche per scambiarci confidenze e notizie con la festosa leggerezza di un tempo. Nell’attesa che le consuetudini a noi care tornino a scandire le nostre giornate, è bello nutrire la speranza immaginando ciò che potrà accompagnare in dolcezza le abitudini ritrovate. Da tali pensieri nasce l’idea di queste eleganti tartellette, in cui le note acide di una gelée al limone contrastano l’avvolgente dolcezza di una mousse di cioccolato bianco al caramello salato; la cremosità delle lucide semisfere trova un piacevole contrappunto nella cedevole croccantezza della pate sucrée alle mandorle che le accoglie.CONTINUA A LEGGERE

2

Torta rustica di grano saraceno

Innumerevoli volte, affannati e scontenti di non poter dedicare il giusto tempo alle persone care e alle attività più amate, abbiamo invocato ritmi di vita lenti e gratificanti. Ora, per circostanze che mai avremmo voluto affrontare, la vita quotidiana ci consente pause impreviste e la mente, pur con il doloroso contrappunto degli eventi, impara ad assaporare ogni momento. Ora i riti della prima colazione e della merenda possono svolgersi senza fretta, con una tavola apparecchiata con cura e con cibi preparati nella cucina di casa. Ecco dunque una dolce proposta che nella sua semplicità unisce ingredienti particolari e promette inebrianti profumi.

CONTINUA A LEGGERE

0

Piccole ciambelle di streusel mandorle e limone con confettura di lamponi e cioccolato Amber

In questo periodo così difficile non riesco a realizzare quei menu completi che contraddistinguono il mio blog. Non ci è giustamente consentito spostarci in libertà alla ricerca di ingredienti indispensabili per particolari progetti culinari e la mia dispensa si riempie allora periodicamente di alimenti di prima necessità acquistati vicino a casa. D’altra parte la consapevolezza delle enormi emergenze che il nostro paese sta affrontando scoraggia il desiderio del superfluo. È il momento per me di ricorrere a quelle piccole riserve di prodotti per pasticceria acquistati in tempi migliori, per dar vita a qualche biscotto capace di allietare il palato e confortare la mente.CONTINUA A LEGGERE

0

Pasticcini al cocco

Ci sono momenti in cui la realtà esterna con la sua problematicità quotidiana sembra relegare attività gratificanti e piacevoli come la pasticceria nella sfera della futilità. Eppure, proprio quando la mente, oppressa, non riesce a spiccare grandi voli al di sopra degli eventi, preparare un semplice pasticcino per strappare un sorriso a chi lo gusta non è segno di superficialità; è invece il segno di una resilienza che si aggrappa anche alle piccole cose. Così è nato in me il desiderio di realizzare questi dolcetti al cocco originari del Marocco, secondo la ricetta fornitami dalla mia amica torinese Anna.CONTINUA A LEGGERE

0