Brioche veneziana con streusel e crema di ricotta al limoncello

Talvolta capita che, dopo un’esperienza gustativa inattesa e indimenticabile, io senta un entusiastico desiderio di riprodurla; mi metto allora alla ricerca della formula ideale che mi possa schiudere quel mondo di sapori, profumi e consistenze e, se sono fortunata, mi posso ispirare alla ricetta di chi, per primo, mi ha stupito ed emozionato. Da tale percorso nasce questa brioche veneziana, nel ricordo di quel capolavoro che qualche tempo fa ho assaporato a colazione nella pasticceria padovana di Luigi Biasetto.CONTINUA A LEGGERE

0

Torta Tiramisù

Forse perché il Tiramisù nella sua versione classica è un dolce estremamente popolare ed amato da tutti, ogni volta che mi sono disposta a realizzare la sua golosa combinazione di ingredienti e sapori, mi sono lasciata tentare dalla possibilità di sperimentare sul fronte delle tecniche e delle consistenze. Questa volta, però, non ho soddisfatto il mio estro creativo ma la precisa richiesta di Davide, il minore dei miei due figli, per il quale nessuna torta moderna ha l’affascinante attrattiva del tradizionale dolce, cremoso e soffice, che tutti sognano quando chiedono un Tiramisù.CONTINUA A LEGGERE

2

Bignè craquelin con crema pasticcera al pralinato di mandorle e amarene sciroppate

Nella discreta dimensione di una monoporzione il bignè assume un aspetto elegante e raffinato con la veste ricamata della pâte à craquelin. Sul piano gustativo la croccantezza del rivestimento incontra felicemente la consistenza soffice e setosa della crema pralinata dalle intriganti note di frutta secca caramellata. Le amarene sciroppate arricchiscono ulteriormente la gamma dei sapori con piacevoli sfumature acidule.CONTINUA A LEGGERE

0

Un dessert stile Tatin

Talvolta mi capita che l’idea di una preparazione salata o dolce s’impadronisca dei miei pensieri e si affacci alla mia mente chiedendo insistentemente di essere realizzata. È proprio il caso di questo dessert d’impronta francese, che in forma nitida ed essenziale avvolge un morbido strato di mele stile Tatin attorno ad un tronchetto di biscuit Joconde e crema leggera al Calvados. Completa l’insieme una base croccante di crumble ricomposto al grano saraceno.CONTINUA A LEGGERE

0

Magia di Natale: bavarese alle nocciole pralinate, gelée di mango, crema leggera di cioccolato bianco al caramello salato

Un lucido anello del caldo colore dell’ambra racchiude un’armoniosa combinazione di gusti e consistenze: una setosa crema di cioccolato bianco al caramello salato abbraccia una fresca gelée di mango e una morbida bavarese alle nocciole; la base di streusel apporta la necessaria nota croccante.CONTINUA A LEGGERE

0

Sapori di Sicilia: cannolo di pasta fillo, crema di ricotta, cremoso al cioccolato fondente

Ci sono dolci che esprimono l’anima di una terra, la sua storia, i suoi profumi, in una parola la sua identità. Da questi la pasticceria moderna non può prescindere, pur rivendicando il diritto di evolversi in termini di consistenze, combinazioni di gusti e di estetica. In quest’ottica il golosissimo cannolo, suntuoso protagonista della pasticceria siciliana tradizionale, può essere proposto in un’elegante composizione al piatto: la scorza croccante e leggerissima di pasta fillo è farcita con una setosa crema montata di ricotta e si adagia su un lingottino di cremoso al fondente; per completare il mosaico di sapori siciliani nel piatto si stendono sottili strisce di crema bianca al pistacchio e uno spicchio di limone candito aggiunge vivaci note agrumate.CONTINUA A LEGGERE

0

La mia cassata siciliana monoporzione: leggerezza nuova, sapori antichi

Il gioiello barocco della pasticceria siciliana si semplifica in una lucida semisfera glassata al pistacchio, guarnita con freschi spicchi di mandarino; all’interno del dessert una crema di ricotta e purea di canditi accoglie un cuore di mousse agli agrumi di Sicilia. La tradizionale nota di cioccolato fondente si esprime nella base di pan di Spagna al cacao.CONTINUA A LEGGERE

0

Eclairs craquelin di primavera: pistacchio, lamponi e violette

In questi primi giorni di marzo, che regalano insperati tepori e fanno presagire l’arrivo della primavera, accarezzo con serena lentezza progetti di preparazioni che possano celebrare il rinnovarsi della vita. Nasce da questo sentimento il mio eclair craquelin, farcito da una voluttuosa namelaka al pistacchio e da un confit di lamponi, che stempera la setosità della crema con una nota acidula e fresca. Sulla superficie pistacchi caramellati, frammenti di lamponi freschi e violette del mio giardino cristallizzate si adagiano su onde di aerea chantilly al pistacchio. Colori e sapori di primavera.CONTINUA A LEGGERE

0